Giovanni Sollima duetta con la Natura

Il concerto di Amici della Musica all’Orto Botanico

Giovanni Sollima duetta con la Natura è il concerto che Giovanni Sollima, uno dei due artisti residenti della nostra Associazione, ha registrato nella splendida cornice dell’Orto Botanico di Palermo. 

Il programma è frutto di approfondimenti che riconducono alla contemplazione e alla meditazione, e si confà delle Suite di Bach e di due inediti del violoncellista, in una versione unica, in cui il suono del violoncello e quelli della natura si fondono.

 “…un paradosso, ma solo il lockdown poteva darmi la possibilità di fare qualcosa che da anni tentavo senza alcuna speranza di successo. Andare a fondo, esplorando molto lentamente il manoscritto attribuito ad Anna Magdalena delle Suites per violoncello di Bach, è un’impresa difficile, se non impossibile, che richiede tanta lentezza.
Non si è mai pronti con Bach, cambia ogni giorno, senti di scoprire qualcosa che ti era sfuggito, ti accorgi che tutto ciò che in quel manoscritto può sembrare una svista, mancante o illogico, è invece frutto dell’ingegno, concetto di variazione continua. Poi ti rendi conto di cercare il suono, che non è regolato sui parametri di oggi e hai un minimo di risposta sulla questione “espressiva” che nulla ha a che vedere con ciò che la visione ottocentesca e in buona parte novecentesca ci dà della stessa immagine di Bach. La sesta suite è scritta per cinque corde, la risonanza e l’angelica trasparenza sostituiscono immediatamente la carnalità (e certa monumentalità) delle quattro corde, con cui di solito viene eseguita”.
Giovanni Sollima

I due inediti, Jook-ru-pa (2019) e Song da Acqua profonda (2020), eseguiti in una versione in cui il suono dello strumento è mescolato ai suoni della natura in un spazio e in un tempo specifici, fanno di questo concerto una realizzazione irripetibile.

Jook-ru-pa è un brano pensato qualche anno fa da Sollima in Australia, scritto poi nel 2019 .“Ho voluto lasciarlo informale, aperto, l’incipit è quasi parallelo al Prélude della sesta suite, ma il brano nasce e vive altrove – spiega il violoncellista – Di solito prevedeva l’interazione del pubblico, adesso è una cosa improponibile e quindi abbiamo cercato il vento e altre sorgenti sonore”.

Song è invece la versione strumentale di un’aria che fa parte di Acqua profonda, un’opera composta nell’aprile 2020.

PROGRAMMA:

Giovanni Sollima
Song da Acqua Profonda (2020)

J.S.Bach
Suite n.6 in re maggiore BWV 1012
-Preludio
-Allemanda
-Corrente
-Sarabanda
-Gavotta I e II
-Giga

Giovanni Sollima
Jook-ru-pa (2019)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.