Stagione 2017

Protagonista dell’inaugurazione della stagione serale degli AdM è il mandolino di Avi Avital, artista israeliano che, accompagnato dal Demetrio diretto da Maurizio Schiavo, propone un viaggio fra il repertorio barocco e quello contemporaneo. Fra le partiture più interessanti che l’artista esegue  spiccano le su temi popolari georgiani di Sulkhan Tsintsadze proposte in una trascrizione per mandolino e orchestra.

L’inaugurazione del turno pomeridiano vede Giovanni Bellucci   impegnato in un recital   che completa, con altri tre  appuntamenti, il progetto sul ciclo delle 32 sonate di Beethoven  intrapreso nel 2015  per gli AdM di Palermo.

Numerose e varie le formazioni cameristiche che si alternano sul palcoscenico del teatro Politeama Garibaldi: fra gli appuntamenti pomeridiani gli AdM ospitano il Quartetto Guadagnini, il Trio Siciliano, Mario Ancillotti in duo con Piernarciso Masi, Domenico Nordio in duo con Federico Lovato e due progetti dedicati rispettivamente al repertorio vocale da camera rossiniano eseguito da Gemma Bertagnolli e Antonio Ballista, e a Mendelssohn con il Quartetto Salvatore Accardo e l’EsTrio.

La stagione serale include un’interessante collaborazione fra Emilio Aversano e il Quartetto d’archi della Scala, e  un progetto dedicato alla musica spagnola, realizzato  dal Carles & Sofia Piano Duo, in collaborazione con l’Istituto Cervantes di Palermo. 

Unlimited di Enrico Pieranunzi è un viaggio per piano solo che attraversa le epoche dal mondo barocco alle contaminazioni contemporanee grazie all’estro compositivo e improvvisativo del pianista romano.

Sono proprio le contaminazioni fra i diversi generi musicali il leitmotiv dell’appuntamento  con Daria Biancardi e con l’AEolian Vocal Ensemble di Monica Faja che, insieme a Sabrina Piazza ha strutturato un vero e proprio spettacolo fatto di musica e movimenti scenici intrecciando il classico con il soul.

Il Trio Arté  festeggia con il pubblico degli AdM i suoi primi 10 anni di attività dalla fondazione con un programma commissionato per l’occasione a giovani compositori palermitani.

Il duo di chitarre Blanco-Sinacori presenta  il progetto discografico  dedicato alle trascrizioni delle più famose sinfonie d’opera e  la violoncellista Raffaella Cardaropoli, appena diciottenne e già Premio Abbado 2015 e Primo Premio al Concorso “Antonio Janigro” è protagonista di un concerto dedicato ai giovani talenti.