Home Events Stagione 2022 Turno Serale Laila Ramezan e Mohssen Kasirossafar

Traduci

Accedi

Accedi

Data

04 Apr 2022
Expired!

Ora

20:45 - 22:30

Costo

20

Laila Ramezan e Mohssen Kasirossafar

“Sheherazade”
Layla Ramezan, pianoforte

Mohssen Kasirossafar, percussioni (zarb e daf)

Musiche di Blaise Ubaldini, Rohani, Mashaiekhi, Fazil Say, Debussy, Chemirani, improvvisazioni

La pianista iraniana Layla Ramezan cerca da sempre connessioni e relazioni tra la sua eredità persiana e la musica contemporanea.  I suoi concerti sono stati trasmessi da Radio France, RFI, Radio Suisse Romande, NPO Radio Netherlands e CBC Radio Canada. Oltre ai suoi progetti da solista, Layla ha avuto il privilegio di lavorare con molti musicisti di spicco come William Blank, Helmut Deutsch, Jean-Claude Pennetier e Philippe Al- bera.  La sua sensibilità per il ritmo e le eleganti interpretazioni rendono il suo suono unico. Layla ha iniziato i suoi studi di pianoforte a Teheran prima di trasferirsi a Parigi nel 2000 per continuare i suoi studi all’École Normale de Musique de Paris “Alfred Cortot” con Jean Micault e Devi Erlih.

Mohssen Kasirossafar, nasce a Mashad in Iran nel 1955, laureto in lettere con indrizzo cinematografico in Italia. Inizia a studiare lo Zarb nel 1980. dal 1983 in poi incontra i Maestri K. Kalhor, M. R. Lotfi, H. Alizadeh, B. Kamkar e M. Aayan con i quali comincia a perfezionare la tecnica, per completare poi la sua formazione con il grande musicista Nasser Farhângfar. Dal 1975 vive a Roma dove collabora tra gli altri con musicisti e compositori come Ennio Morricone,  Angelo Branduardi, Fabrizio De Andre, Mauro Pagani, Rita Marcotulli e molti altri. Ha al suo attivo numerosissime incisioni discografiche e ha partecipato a svariati festival musicali Italiani ed europei e programmi radiotelevisivi eseguendo  musica persiana d’arte e popolare, musica medievale e rinascimentale e quella contemporanea e sperimentale,teatro e colonne sonore.

Sherhazade è un affascinante viaggio che unisce la tradizione musicale orientale e quella occidentale moderna. I motivi etnici della Persia si mescolano ad altre sonorità europee creando un’atmosfera di grande intensità espressiva. Un’ascesa notturna, una ricerca mistica, un sogno ad occhi aperti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.