Lunedì 4 maggio

Rita Marcotulli jazz piano


Raccontare storie attraverso le note. 
Un viaggio immaginario ,che prende ispirazione dalla vita di tutti i giorni, dalla natura dalle esperienze, dalla musica dei diversi colori del mondo. 
Composizioni originali ma anche suggerite dal emozioni del momento con una buona parte di improvvisazione. 
Omaggio al cinema, e ad autori popolari italiani.

Programma

L’ amore fugge (Rita Marcotulli) composizione originale 
Ispirata dal film muto di Renoir Nana ‘ 

Waves and wind
Vivendo in campagna dalla mia finestra appare un panorama collinare verde.
Ma all’orizzonte immagino il mare… 

The moon is an harsh mistress
Omaggio a jimmy web 

Every thing is not – Scomposizione nel tempo 

Koine – L’ esigenza di scoprire nuove sonorità 
Immaginare di suonare of uno strumento diverso che evoca il suono a corde degli strumenti orientali (Piano preparato ) 

La strada invisibile 
La madre di Guglielmo Marconi raccontava a suo figlio una storia : esisteva una strada invisibile dove i pensieri potevano essere inviati da una parte all altra, comunicazione da una parte all’altra … Mi è sempre piaciuta questa storia perché senza intuito ed immaginazione non esisterebbe la scienza ed in questo caso la radio… 

Che cosa sono le nuvole – Omaggio a Domenico Modugno e Pasolini 

Antoine Doinel Omaggio a Francois Truffaut 
Ispirato da una immagine di “baci rubati” I nomi degli attori suonati e tradotti in codice morse . 

Yin and Yang – La fragilità e la forza 

Omaggio a Pino Daniele 
Amico e grande artista compositore scomparso prematuramente 

Miguilm
Ispirato dallo choro brasiliano ed uno omaggio allo scrittore Guimares Rosa 


Biografia

RITA MARCOTULLI 
Pianista e compositrice, ha studiato al Conservatorio di Santa Cecilia musica classica e con il Maestro Arnaldo Graziosi e con Susanna Spitanlick. 
Comincia a suonare professionalmente all’interno di piccoli gruppi negli anni settanta e successivamente inizia a collaborare con svariati artisti internazionali, per citarne alcuni: Jon Christensen, Palle Danielsson, Peter Erskine, Joe Henderson, Helène La Barrière, Joe Lovano, Charlie Mariano, Marilyn Mazur, Pat Metheny, Sal Nistico, Michel Portal, Enrico Rava, Dewey Redman, Aldo Romano, Kenny Wheeler, Norma Winstone. 
Nel 1987 viene votata Miglior nuovo talento attraverso un sondaggio della rivista Musica Jazz. 
Nel 1989 entra a far parte nel gruppo di Billy Cobham con il quale si esibisce in tutto il mondo. 
Nel 1992 entra a far parte del gruppo di Dewey Redman con il quale collabora per 15 anni suonando in tutta Europa e Sud America. Poi si trasferisce in Svezia, collaborando con musicisti nord europei come: Palle Danielsson, Marilyn Mazur, Jon Christensen, Niels Petter Molevar, Anders Jormin, Tore Brumborg. 
Queste collaborazioni, influenzano e consolidano il suo modo di comporre. Tornata in Italia collabora fra gli altri con Ambrogio Sparagna e Pino Daniele. Nel 1996 accompagna Pat Metheny in un’esibizione al Festival di Sanremo. 
Più recentemente ha partecipato alla realizzazione del film Basilicata Coast to Coast, per il quale si è occupata della colonna sonora. 
Grazie a questo lavoro la Marcotulli ha ricevuto il Ciak d’oro nel 2010, il Nastro d’argento alla migliore colonna sonora nello stesso anno, il David di Donatello per il miglior musicista nel 2011 (prima donna in assoluto a ricevere questo riconoscimento) e il Premio Top Jazz 2011 come miglior artista del jazz italiano secondo la rivista Musica Jazz. 
Nel febbraio 2013 è membro della giuria di qualità alla 63a edizione del Festival di Sanremo, condotta da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto.
Nel 2017 è stata nominata Ambasciatore dell’Umbria nel mondo. Nel 2019 il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella consegna a Rita il premio onorario come Ufficiale della Repubblica e ancora nel 2019 la nominations come membro della Royal Accademy di Svezia istituita nel 1774 dal re Gustavo. 
Oggi Marcotulli è una pianista e compositrice famosa. Rispettata per il suo stile di suono unico e la capacità di improvvisare. La sua fonte di ispirazione è vasta e include anche influenze dalla musica brasiliana, africana e indiana.

Discografia 

• Night Caller – Label Bleu, 1993 
• Nauplia – Egea, 1995 
• Triboh – Polo Sud, 2000 
• The Light Side of the Moon – Le Chant du Monde, 2006 
• Concerti del Quirinale di Radio 3 – Rai Trade, 2007 
• On the Edge of a Perfect Moment – Incipit, 2007 
• Koiné – Storie di Note, 2007 
• Zapping – Egea, 2008 
• Appunti di viaggio – Goodfellas 2008 
• The Woman Next Door – Label Bleu, 2009 
• Variazioni su tema – S’ARD, 2011 
• Basilicata Coast to Coast – Alice Records, 2011 
• Yin And Yang — Live at Venica & Venica WineryRita Marcotulli, Israel Varela- Cam Jazz 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.