Martedì 26 febbraio 2019

Ensemble1918

Lorenzo Rovati violino
Tindaro Capuano clarinetto
So Young Sim pianoforte


Contrasti”

Brahms da Zwei Gesang op. 91 “Gestillte Sehnsucht”  per violino, clarinetto e pianoforte

Bartok Contrasti per violino, clarinetto e pianoforte

Brahms Danze ungheresi numero 1-2-4-17 per violino e pianoforte

Schumann Fantasiestucke op. 73  per clarinetto e pianoforte

Schoenfild Trio


L’Ensemble1918, nato dall’idea del clarinettista Tindaro Capuano, è stato costituito per esplorare il repertorio cameristico che va dal 1800 ai giorni nostri. Sebbene il gruppo abbia visto la luce di recente può già vantare presenze in festival prestigiosi quali il Wratislava Cantans 2018 a Wroclaw e il Ghislierimusica a Pavia. Il debutto è avvenuto con la produzione di “Histoire du Soldat” di Igor Stravinsky in occasione del centenario della composizione. La messa in scena è stata curata da Piera Mungiguerra alla regia e dagli attori del Cantiere Birnam, mentre l’Ensemble1918 si è esibito con strumenti originali dei primi anni del 1900. Questi, per le loro caratteristiche timbriche, di suono e per una vocazione particolare all’articolazione hanno consentito ai musicisti di avvicinarsi all’estetica del compositore.

Per l’appuntamento nella storica stagione degli Amici della Musica di Palermo l’Ensemble1918 ha scelto un programma in trio, una formazione più piccola e “classica” rispetto al settimino di Histoire du soldat che ricordava l’organico della jazz band americana di inizio 1900. Il trio, costituito da violino, clarinetto e pianoforte, propone un programma che parte dal romanticismo tedesco di Robert Schumann e Johannes Brahms, passa dal ‘900 storico di Béla Bartók per approdare infine al contemporaneo e frizzante Paul Schoenfield.